MICROCHIP CANE

L’anagrafe canina nazionale regionale è la banca dati preposta all’iscrizione e alla registrazione di tutti i cani presenti in Italia, in modo da contrastare il fenomeno del randagismo. Tale registrazione è obbligatoria ai sensi dell’Art. 4 della L.R. 16/2001 e l’inosservanza prevede una sanzione amministrativa.
La registrazione avviene con la compilazione di una scheda da parte del personale medico veterinario, nella quale verranno inseriti tutti i dati del proprietario e del cane, ad esempio: tipo di razza, sesso, colore del pelo, segni particolari e il codice numerico presente sul microchip dell’animale. Soltanto le persone maggiorenni potranno effettuare tale iscrizione, poiché, secondo l’ordinamento giuridico italiano, il minorenne non ha la capacità di agire e di conseguenza non può essere né proprietario né detentore di un animale.

IL MICROCIP

Per poter procedere con l’iscrizione all’anagrafe canina è obbligatorio, dal 5 novembre 2004, inserire al cane un microchip sottocutaneo contenente un codice magnetico di 15 cifre
Il microchip sarà inserito mediante una piccola iniezione praticata sul lato sinistro del collo dell’animale. Quest’operazione è in genere svolta da un veterinario professionista o da un addetto dell’ASL veterinaria e dovrà essere effettuata entro 60 giorni dalla nascita del cane o prima della cessione a qualsiasi titolo.
Le sanzioni previste in caso di inottemperanza Per la mancata iscrizione all’anagrafe canina la legge prevede delle sanzioni, il cui importo varia a seconda del tipo di violazione

VIAGGIARE 1° CLASSE SI PUO’ !!!

CHIAMA H 24